Nell’ambito del progetto di ampliamento dell’autostrada A4 che Salini Impregilo sta realizzando in Italia, abbiamo sviluppato un intervento di riqualificazione ambientale di un sottopasso interessato da un intenso traffico veicolare e caratterizzato dalla vicinanza ad alcuni centri abitati. L’intervento è consistito nell’applicazione di uno speciale rivestimento catalitico sul manto stradale, sulle pareti e sul soffitto del sottopasso. Tale rivestimento contiene dei composti metallici che, irradiati dalla luce, attivano una reazione chimica in grado di decomporre le sostanze tossiche e inquinanti, come il monossido di carbonio, i biossidi di azoto e di zolfo, il benzene e il particolato fine in sostanze non nocive, quali sali minerali e calcare.

Il sottopasso è stato quindi dotato di apposite lampade a raggi UV che attivano il processo fotocatalitico, consentendo una riduzione pari a circa il 75-80% dell’inquinamento prodotto dal transito veicolare. Inoltre, il rivestimento catalitico riflette la luce fino al 60% in più rispetto alle superfici tradizionali, consentendo di ridurre il numero di corpi illuminanti installati nel sottopasso e riducendo i consumi energetici di circa il 50%.

Tale intervento è di particolare interesse in quanto costituisce un utile sperimentazione di soluzioni adottate finora in galleria, e che potrebbero essere efficacemente estese anche ad altre infrastrutture, quali i sottopassi appunto, molto diffuse nelle aree urbane ed extraurbane.